sabato 1 settembre 2007

dal Kanteletar - Elias Lönnrot (Finlandia, 1802-1884)

Vedi post precedente per delle note biografiche e bibliografiche sul Kanteletar e sull'autore. La lirica "Sortunut ääni" (Voce rotta; Kanteletar I:57) non era compresa in quelle tradotte da Renzo Porceddu nel suo libro "Kanteletar: raccolta di liriche popolari finniche" (Turku, 1992).

Voce rotta - dalla raccolta Kanteletar (I:57, 1840)
traduzione in italiano di Piero Pollesello

Che cosa ha rotto la grande voce,
la voce grande e bella?
La meravigliosa voce non è più
quella che fluiva come un fiume,
scrosciava come un torrente,
gorgogliava come una sorgente.

La tristezza ha rotto la grande voce,
la voce grande e bella!
La splendida voce si è arrochita
ed ora non fluisce più come un fiume
non scroscia come un torrente,
nè gorgoglia più come una sorgente.

Sortunut ääni* - Kanteletar I:57 (1840)
originale raccolto da Elias Lönnrot

Mikä sorti äänen suuren,
äänen suuren ja sorian,
äänen kaunihin kaotti,
jok'ennen jokena juoksi,
vesivirtana vilasi,
lammikkona lailatteli?

Suru sorti äänen suuren,
äänen suuren ja sorian,
äänen armahan alenti,
jott'ei nyt jokena juoksee,
vesivirtana vilaja
lammikkona lailattele.

*Il testo è stato musicato da Jean Sibelius (1865-1957) in "Sortunut ääni" , op. 18 no. 1 (1898) per coro maschile.

Nessun commento: