sabato 1 settembre 2007

Kanteletar - raccolta di traduzioni di Renzo Porceddu

Nel 1992 Benito Casagrande di Turku stampava e dedicava a sua moglie Irma una raccolta di traduzioni di liriche popolari finniche dal Kanteletar di Elias Lönnrot. Il libro (ISBN 951-96493-01, 238 pagine di traduzioni di Renzo Porceddu con commenti di Lauri Lindgren e Luigi de Anna, con splendide illustrazioni tratte da olii di Akseli Gallen-Kallela del periodo 1884-1916) è stato stampato in 1000 copie e si trova(va) in vendita alla Akademiska Bokhandel (https://www.akateeminenkirjakauppa.fi) di Helsinki.

Kanteletar (1840), con il più conosciuto Kalevala, è una delle raccolte di versi popolari composte da Elias Lönnrot (per una biografia e bibliografia in italiano vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Elias_L%C3%B6nnrot), un medico finlandese che si scoprì etnologo e percorse in lunghi viaggi intere regioni della Finlandia (e della Karelia oggi russa) per ascoltare i bardi locali tramandarsi oralmente le liriche e le epopee popolari accompagnati dal Kantele, strumento a corda locale.

Il Kanteletar ha una componente "femminile" più marcata che nell'epico Kalevala: abbiamo però anche canti di nozze e di pastori, fanciulli e danze per ragazze, allegria e scherzo. Le traduzioni di Renzo Porceddu sono esemplari e gradevolissime a leggersi, ma purtroppo non coprono l'intera opera con i suoi 652 testi.

Nessun commento: